Ristrutturazione della Scuola St. Joseph di Baghdad

L'Iraq da troppo tempo ormai è teatro di guerre e di scontri. La popolazione è ormai stremata da decenni di instabilità politica, conflitti interni e tensioni con i paesi vicini e con gli Stati Uniti d'America. La capitale, Baghdad, è continuamente sotto assedio; nemmeno l'attuale crisi sanitaria ha placato le tensioni tra il governo e i manifestanti che hanno ripreso a protestare dopo l'ennesimo blackout che ha colpito la città. 

La popolazione è costantemente in fuga e si calcola che negli ultimi anni i Cristiani autoctoni che hanno lasciato il paese per rifugiarsi altrove sono almeno un milione. Le poche famiglie cristiane rimaste nella capitale possono contare sul supporto spirituale e materiale dell’Arcidiocesi di Baghdad dei Latini, con cui la Fondazione Giovanni Paolo II ha avviato un progetto per dare un nuovo volto alla Scuola St. Joseph attraverso il restauro e la riqualificazione di tutte le strutture di pertinenza dell'Istituto. 

Con questa azione intendiamo restituire il diritto a un'istruzione di qualità ai bambini e ai ragazzi, cristiani e non, che ancora risiedono nella città di Baghdad e allo stesso tempo, accogliendo anche alunni di religione musulmana, vogliamo offrire un piccolo ma inequivocabile segno di apertura e di dialogo in un tempo di grandi tensioni e conflitti. 

Partners

Arcidiocesi di Bagdad dei Latini

Dicono del progetto ...

«La scuola è una dei pezzi fondamentali per ricostruire l’uomo».

Jean Benjamin Sleiman, arcivescovo dell’Arcidiocesi di Baghdad dei Latini

Tags del progetto

Edilizia Sociale
Costruzione edifici
Scuola Saint Joseph Baghdad
Diritto all'istruzione
Minoranze cristiane
Progetti correlati - Educazione e salute

Alcuni progetti simili ...

Educazione e salute
Sostegno alle minoranze cristiane

Il progetto ha l'obiettivo principale di sostenere le minoranze cristiane attraverso il miglioramento dei servizi educativi aumentandone la qualità, l...